Site search

Menu

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Maggio: 2021
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Site search

Categories

Maggio: 2021
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Tags

Masculiata

Non ho mai capito come gratta e vinci non vincenti, che sono tanti, e bustine utilizzate di Gaviscon o Riopan, che sono tante, si possano trovare ovunque, nelle campagne, in montagna. Al di la dello sporadico uso che può avvenire lì stesso. Immaginate queste bustine e quei gratta e vinci a volte fatti a pezzi dall’amarezza per non aver vinto. Aiutati dai venti, faticosamente farsi largo tra macchine, persone, spazzini, palazzi e arrivare fin lassù per adagiarsi meritatamente sotto un pino o un ulivo. Spero che gli venga risparmiata cotanta fatica e che vengano cestinati laddove possano trovare immediato riposo. Lo stesso adesso vale anche per il grande rifiuto new entry dell’anno: le mascherine.

Non ho mai capito i matrimoni ed altri riti della cultura occidentale. Nel senso che rispetto a riti di funzione analoga in altre culture,  sembrano stonare con l’ambiente circostante, sembrano poco naturali, spesso offrono dosi di divertimento artefatto e per nulla spontanei, la gente si deve vestire elegante, si devono spendere tanti soldi, parecchie persone accolgono l’invito più per rassegnato senso di dovere piuttosto che per sincera volontà. Non lo so, non mi convincono.

Non ho mai capito quando dagli Stati Uniti si  accusavano di malvagità o pericolosità fatale per l’umanità altri stati definiti canaglia o asse del male o terroristi, in particolare su un eventuale utilizzo di armi nucleari o bombe atomiche e l’unico stato ad aver mai fatto uso dell’atomica è stato proprio quello dello zio Sam a Nagasaki e Hiroshima nel 1945. Ma sugli Usa ho molte altre incomprensioni.

Non ho mai capito perché la legge dice di essere uguale per tutti ma spesso non lo è. Per esempio non ho mai capito perché dei responsabili delle torture dei giorni del G8 del 2001 a Genova sono stati promossi o non sono stati rimossi. O perché ricchi e in genere potenti vengano tutelati molto di più rispetto ai meno benestanti.

Non ho mai capito chi offre lavoro stagionale senza giorno libero, anzi senza giorni liberi perché in altre parti d’Europa almeno offrono il 5+2 o 4+3 retribuito più o meno come il 7+0 o 6+1 nostrano. E ancor di più non ho mai capito la differenza tra ore lavorate e ore in busta paga.

Non ho mai capito le campagne elettorali. Gli atteggiamenti, le parole ricorrenti come rinascita, risorgimento, cambiamento, rivoluzione, cittadini, fiducia, programma, infrastrutture, lavoro, giovani, futuro.

Non ho mai capito quei devastanti e assassini stabilimenti industriali come l’Ilva di Taranto, i poli petrolchimici di Gela e del siracusano che «Però creano occupazione», ah allora va bene.

Non ho mai capito il lavoro, soprattutto come mai, citando Errico Malatesta, «quelli che non lavorano e che non hanno mai lavorato parlano sempre in nome del lavoro»

Non ho mai capito i centri storici delle città, vetrine per i turisti, gentrificati, con le case ristrutturate, con gli affitti rialzati ed il popolo mandato nelle periferie.

Non ho mai capito gli automobilisti che mentre ti stai avvicinando alle strisce pedonali accelerano per passare prima.

Non ho mai capito la scuola privata, la sanità privata ma anche alcune cose di quelle pubbliche.

Non ho mai capito le moine che si fanno ai bambini neonati o comunque di pochi mesi o anni.

Non ho mai capito quelli che chiedono un Negroni senza ghiaccio o un cocktail bello carico.

Non ho mai capito le dichiarazioni lampo dei politici nelle interviste per i servizi dei Tg.

Non ho mai capito i porti senza panchine e le panchine senza schienale.

Non ho mai capito l’economia, i soldi, anzi l’economia basata sui soldi.

Non ho mai capito l’ora solare, l’ora legale, l’ora, i minuti e i secondi.

Non ho mai capito lo Stato, gli Stati, gli Imperi e robe simili.

Non ho mai capito la moda, le mode.

Non ho mai capito l’amore.